Specialisti nella consulenza per la prevenzione della balbuzie, in età evolutiva, adolescienziale e adulta

Terapie di modifica della balbuzie

La terapia di modifica del blocco

L'obiettivo delle terapie di modifica della balbuzie non è quello di eliminare la disfluenza bensì quello di modificarla, in modo tale che l'atto del balbettare risulti più facile e meno faticoso. La base logica è la seguente: siccome la paura e l'ansia provocano il peggioramento della balbuzie, allora, se si balbettasse con più disinvoltura, con meno apprensione e con minor astensione dalle situazioni, la disfluenza diminuirebbe. L'approccio più largamente conosciuto è stato pubblicato nel 1973 da Charles Van Riper, approccio conosciuto anche come terapia di modifica del blocco.

Come previsto da Van Riper, la terapia di modifica della balbuzie prevede quattro fasi:

  • Nella prima fase, chiamata identificazione, il balbuziente con l'aiuto di un professionista identifica i comportamenti principali e secondari, i sentimenti e gli atteggiamenti che caratterizzano il proprio disturbo.
  • Nella seconda fase, chiamata desensibilizzazione, il disfluente lavora per ridurre paura ed ansia attraverso la diminuzione dei comportamenti tipici del balbuziente, affrontando i suoni difficili da pronunciare, le parole, le situazioni "a rischio" e balbettando volontariamente ("balbuzie volontaria").
  • Nella terza fase, chiamata modificazione, il balbuziente imparare a "balbettare con disinvoltura". Ciò può essere fatto per mezzo di: "cancellazioni" (fermandosi ai blocchi, facendo piccole pause e dicendo la parola di nuovo), "uscite" dai blocchi a favore della parlata fluente, "azioni preparatorie" prevedendo le parole nella quali si potrebbe balbettare e utilizzando su di esse la "balbuzie disinvolta".
  • Nella quarta fase, chiamata stabilizzazione, il balbuziente prepara esercizi di prova, predispone le "azioni preparatorie" e le uscite automatiche dai blocchi e infine abbandona la propria convinzione di essere una persona che balbetta, considerando sé stesso un individuo che parla fluentemente nella maggior parte del tempo ma che occasionalmente balbetta moderatamente.

Fonte: Wikipedia